pagina 35

lunedì, 13 aprile 2009  

Di uomini e tipi

L’unica cosa che veramente distingue gli uomini dagli altri animali è che solo gli uomini si pongono delle questioni così idiote.

 

 

Casini e basta?

Il povero Pierferdinando Casini ha annunciato che non andrà in visita in Abruzzo in ossequio all’appello di Berlusconi a non intralciare le zone con le visite dei politici.

Bene, bravi, bis.

Senonché c’è un però.

Però questo appello è arrivato dopo che sono andati all’Aquila Franceschini, Di Pietro, Napolitano, Fini e Schifani (per dire i principali) e dopo che Berlusconi c’è andato cinque volte in cinque giorni. E domani ci va il cardinale Bagnasco e ci sarà un intera riunione del Consiglio dei Ministri.

Allora che senso ha?

L’appello vale solo per Casini? Solo per gli esponenti dell’opposizione? Mah, io mi faccio delle domande…

sabato, 11 aprile 2009

 

Gran varietà

Ho fatto dei cd da tenere in macchina quando facciamo qualche viaggio un po’ lungo (tipo da un semaforo all’altro la domenica che c’è la partita in casa).

Siccome non ci ho pensato troppo a un certo punto in uno mi è venuto Be-pop-a-lula di Gene Vincent e subito dopo Suzanne di Leonard Cohen, e dopo ancora Sitting on the dock of the bay di Otis Redding e Roxanne dei Police (eccetera), che fanno un discreto contrasto uno dopo l’altro: ed è quello su cui volevo scrivere sopra “Blues, R’n’B and Blues Riview”, e ora che lo sto ascoltando non so più cosa scriverci.

 

 

Le solite distrazioni

A me è sfuggita, ma certo la smentita avrà avuto almeno lo stesso risalto della falsa notizia.

I titoloni sui primi sciacalli arrestati, manco a dirlo quattro romeni guidati da una badante, erano del tutto ingiustificati. La badante, aiutata dai connazionali, aveva preso solo ed esclusivamente le sue cose, lasciando dove stavano i centomila euro che l’anziano italiano teneva sotto un mattone.

Sono stati assolti perché il fatto non sussiste e rilasciati con la restituzione dei gioielli che avevano, che erano i loro.

I titoloni sulla solita cantonata presa dai giornalisti sui reati dei romeni a me sono sfuggiti. Distratto…

 

 

Otto per mille

Il Papa ha mandato 500 uova di pasqua per i bambini. Solo 500?

Supponiamo che i bambini terremotati siano 62.500 (stima magari pure verosimile) la proporzione sarebbe di otto uova ogni mille bambini.

Siamo in periodo di scelta della destinazione dell’8 per mille: ricordiamocene, e ricordiamoci che una bella fetta di quelli che non scelgono espressamente va alla chiesa cattolica.

 

 

Costi/benefici (propri)

Io non andrei tra i disgraziati solo per testimoniare la mia solidarietà, specialmente se il mio contributo fattivo fosse di molto inferiore al disturbo che do (perché mi sposto, mangio, occupo un posto per dormire, ingombro). Quindi resto a casa e solidarizzo a modo mio. Se avessero bisogno di uno che non sa fare niente di utile forse andrei.

Oggi al tg dietro al giornalista in collegamento dall’Aquila si vedeva scorrere il corteo di macchine per la visita del presidente del Senato. Non finiva più.

Immagino che una fila di venti o trenta auto (o cento, oppure giravano intorno all’isolato per sembrare di più), con poliziotti e agenti impegnati solo per quello (invece che accompagnare gli sfollati a recuperare qualcosa dalle macerie senza essere arrestati come sciacalli), con tutto il movimento e il distoglimento di risorse che ne consegue, è proprio quel che ci vuole per i terremotati.

E se restassero a Roma? Andranno lì mica solo per le fotografie?

 

 

Chi tace assente

La cosa bella di alcuni cattolici è che Dio è sempre d’accordo con loro, e mai viceversa.

giovedì, 09 aprile 2009

 

Crearsi le occasioni

Dice che gli italiani dànno il loro meglio nei momenti di emergenza.

Sarà per quello che se li cercano tanto.

Se costruissimo gli ospedali come i giapponesi come faremmo a dimostrare il nostro meglio?

Vi immaginate che figurone quando i terremoti e le inondazioni colpiranno le centrali nucleari?

mercoledì, 08 aprile 2009

 

Ognuno ha le sue frasi preferite

Questa frase, quando non la guardate, è in spagnolo.

 

A me questa cosa mi piace tantissimo.

 

 

La digestione delle emergenze

Per l’Abruzzo il PD offre 25 cucine.

Vuol dire che la fase della ricostruzione sarà il solito magna magna?

 

Ed è in quest’ottica l’evidente fastidio con cui è stata accolta l’offerta di aiuti alla ricostruzione da parte statunitense? (Tra parentesi: invece di fargli fare il recupero di chiese e beni storici, in cui non hanno niente da insegnarci, non potremmo fargli ricostruire un ospedale?)

martedì, 07 aprile 2009

 

L’età del consenso

In caso di catastrofi naturali ci si chiede come mai invece di piangere morti e spendere miliardi per la ricostruzione non si siano spesi milioni per la prevenzione (difesa del territorio, cura dei fiumi, edilizia antisismica, ecc.).

Perché mettere un milione in bilancio quando tutto va bene è impopolare, trovarne cento con i morti ancora caldi è persino popolare. (Le vittime sono danni collaterali.)

 

 

Forse “diversamente global”?

Non mi è ben chiaro perché insistano a chiamarli no-global: sono uguali e coordinati in tutto il mondo occidentale, pensano nello stesso modo, frequentano gli stessi luoghi virtuali, usano più o meno la stessa lingua, ecc.

lunedì, 06 aprile 2009

 

Sciame cinismico

Non voglio scherzare sul terremoto in Abruzzo, ma alcune cose dai telegiornali mi saltano agli occhi.

Tornano le banalità e le frasi fatte: si parla di bombardamenti, la terra ha tremato, la Natura, si scava a mani nude, “come un castello di carte”, ecc.

Il giornalista dice che le forze dell’ordine sono in allarme per gli sciacalli; poi si vede Berlusconi circondato e tenuto d’occhio dai poliziotti. Non mi pare riguardoso. (Del resto tutti i telegiornali italiani sono comunisti…)

Tra le vittime e i dispersi si nominano un bambino ucraino, una famiglia di slavi, un disperso macedone, ecc. Non è che nella zona ci sia una percentuale enorme di immigrati, è che in media abitano in case più fatiscenti. (Contiamo anche che i clandestini non li cercano.)

Il Presidente del Consiglio dice che è la peggiore tragedia dall’inizio del millennio. A me le classifiche mi affascinano (per esempio i dieci criminali più ricercati, si spera che si facciano delle soffiate l’un l’altro pur di salire in graduatoria?): mi chiedo quali sono gli altri eventi nella top ten.

Polemiche su una possibile previsione di questo terremoto. Utilissime.

domenica, 05 aprile 2009

 

La televisione mi fa male

Gira in televisione uno spot che mi fa ira.

C’è una tizia a cui il marito telefona per chiedere il numero dell’agenzia delle entrate (ma l’elenco telefonico non lo sa leggere? i servizi informazione non li conosce?), poi le telefona il figlio per commissionarle una pratica all’università (quindi ha almeno diciott’anni, può farsi le cose da sé, si suppone). Fin qui è semplicemente l’immagine del ruolo della donna nella società tradizionale italiana: la madre di famiglia ha il ruolo della serva/segretaria (e per contro la segretaria, in ufficio, è una vice mamma/moglie). (Non è che io sia un femminista, ma la realtà è questa.)

Poi si vede la tizia dalla parrucchiera a cui telefona la madre per chiederle aiuto con la pensione, e qui la signora si spazientisce (proprio quando si tratta di una signora anziana, che magari da sola ha obiettive difficoltà; forse se fosse il vecchio padre…). E la parrucchiera le suggerisce un nuovo servizio delle amministrazioni pubbliche.

Cioè vogliono farci passare per nuova l’istituzione degli URP (ufficio relazioni col pubblico).

Il crescendo di incazzatura culmina nel gran finale: si dice che è un’iniziativa del ministro (non Ministero, che sarebbe quasi pubblicità istituzionale, ma ministro, che è propaganda personale e personalistica).

E questa campagna propagandistica è pagata da me contribuente onesto, dal disoccupato che non ha sussidio perché i soldi pubblici vanno a pagare questo spot, dal pensionato, dal malato, ecc.

sabato, 04 aprile 2009

 

Digli che sono in riunione

Ennesima presunta gaffe di Berlusconi, montata dalla stampa italiana che come tutti sanno è quasi tutta comunista. Mentre gli altri capi di stato e di governo europei facevano le fotografie di rito (tutti insieme, uno alla volta, lui con gli amici di lei, lei con gli amici di lui, soli con i genitori, con i testimoni, ecc.) il nostro capo del governo era al cellulare e non poteva interrompere.

Il suo ufficio stampa ha detto che era al telefono con il capo del governo turco (molto signorile scaricare la colpa…).

‘Sti attaccabottoni…

E perché non poteva chiamare in un altro momento? Perché proprio Berlusconi?

Perché è l’unico cafone (molto “italiano”) ad andare ad un vertice internazionale con il cellulare acceso in tasca.

 

 

Pomeriggio ozioso

Messi in ordine i miei dvd vanno da “2001 Odissea nello spazio” a “Zelig”. Di questi estremi alfabetici sono particolarmente soddisfatto.

 

 

Chi cerca trova (tutt’altro)

Nel mese di marzo scorso fra tutti quelli che sono arrivati su questo blog coi motori di ricerca ben sette cercavano me “liczin”, gli altri si sono distribuiti nelle seguenti chiavi di ricerca:

 

“sindrome della cartolina”

allarme “acqua mancante”

anatomia dell’asino

apostrofo quand’ero

arezzo circonvenzione -gelli

artisti e seduttori

bologna la rossa

capri

compagne di banco

comprare ottotipo

crepet

educazione artistica

educazione artistica immagini figure in movimento

escheriana

fosse tettoniche

foto di obama incanutito

gambe lunghe o nane?

le fosse tettoniche

lo apostrofo con parole argute

niente proprio

osservazioni scientifiche

presidente che non sono altro

quanti soldi ricevono le scuole private

questo o quello per me pari sono

rajaram chuttraputti

risolvere espressioni

risolvere espressioni matematiche

risolvere espressioni online

risolvere le espressioni

risolvere le’espressioni

risolvi espressioni

risolvi espressioni on-line grati

risolvi espressioni online

sentirsi rincoglioniti

serie gratis compagni di scuola

sindrome di crimea

sistemi infallibili al lotto

sistemi lotto infallibili

sordomuti

spingere l’auto

vietata riproduzione

 

Non so cosa volesse trovare chi cercava “sentirsi rincoglioniti”, ma ha tutta la mia solidarietà.

E chissà che ha pensato chi cercava “fosse tettoniche” (con e senza articolo) e ha trovato un post sulle tette grosse; chissà che consiglio voleva chi si chiedeva “gambe lunghe o nane?” (con tutto il punto interrogativo); interessante chi cercava “niente proprio”; e tutti coloro (suppongo ragazzi delle medie) che cercavano “risolvere espressioni” (in tante varianti) invece di usare il loro cervellino, e hanno trovato un post sull’inespressività di Valeria Golino? Chissà cosa sperava di trovare chi forse voleva nuove tecniche per “spingere l’auto” e mi chiedo che faccia abbia fatto il navigatore che si collegava dalla Corea (davvero!) cercando “vietata riproduzione” e trovando un post sul celibato dei preti.

Notevole che in tutto un mese non ci sia neanche un “donne nude”, “foto di culi brasiliani”, “immagini porno gratis”, ecc. O tempora o mores!

 

 

Primo, secondo e frutta

In genere i sequel sono di gran lunga inferiori al primo film.

Invece per Madagascar e l’Era glaciale mi è piaciuto più il secondo del primo.

Così, tanto per fare conversazione.

 

PS: chissà come mai nessuno si è mai azzardato a fare il seguito di Blade Runner.

venerdì, 03 aprile 2009

 

Kobayashi Maru

Ci sono situazioni in cui come si fa si sbaglia, qualunque strada è perdente, qualsiasi opzione porta alla catastrofe.

C’è chi in queste situazioni è tranquillizzato dal fatto che non essendoci scelte vincenti nessuna è realmente perdente. In genere è chi non c’è dentro.

 

 

Like me

È senz’altro un mistero come mai un uomo bello e affascinante come me non sia bersaglio di profferte amorose e sessuali da parte di nugoli di donne assedianti in attesa di un mio sguardo, di un mio bacio, della concessione del mio sesso. È un mistero incredibile.

Appena trovo un uomo bello e affascinante come me glielo chiedo.

 

 

A verbale

Monsignor Nonricordochì reclama come al solito il diritto della Chiesa a esprimere la propria opinione.

Quel che mi piacerebbe sapere è quando e chi gliel’ha negato questo diritto in Italia nell’ultimo secolo.

Il fatto è che le opinioni della Chiesa in Italia hanno un vastissimo rilievo, (in qualsiasi altro paese del mondo hanno l’eco di uno stuzzicadenti che si spezza); raddoppiato dalle lamentele della Chiesa che gli negano il diritto di esprimerle (lamentele che non risultano nel resto del mondo).

Io però sono d’accordo che la Chiesa possa esprimere le proprie opinioni. Fatto? Bene, possiamo andare avanti.

 

 

Promemoria

Vorrei ricordare al buon Dio che non sta scritto da nessuna parte che il pianeta debba avere per forza gli italiani.

giovedì, 02 aprile 2009

 

Sommerso e vinto

Ok, mi arrendo, avete vinto voi.

Dicano Berlusconi e i suoi sodali tutte le cazzate che vogliono, io non ne parlerò più; lasciate fare ai ricchi quel cazzo che vogliono e chiamatela libertà, dite che l’energia nucleare è la sola possibilità ed è sana e sicura, dite che un piccolo percento in meno di barriere coralline o di foreste in fondo non fa tanta differenza, alzate muri, leccate il culo ai potenti, calpestate i deboli, fate tutto e prendetevi la ragione.

Basta, ne ho le palle piene, non ne voglio sapere più niente, avete vinto voi.

mercoledì, 01 aprile 2009

 

Gambetti di donna

Non è che basti avere le gambe magre per averle belle.

Alle signore sessantenni che esibiscono gonne corte che evidenziano le rughe alle ginocchia qualcuno dovrebbe dirlo.

 

martedì, 31 marzo 2009

 

Fede e Chiesa (ovvero: non ce l’ho con te, ma con chi ti manda)

Vi ricordate Mario Chiesa? l’ex esponente del PSI che con una storia di corruzioni diede il via alla stagione di “Mani pulite”?

Condannato ha scontato un briciolo della pena, soprattutto tramite servizi sociali.

Ora l’hanno riarrestato per un’altra storia di appalti truccati.

Ora la domanda è: ma chi l’ha rimesso in una posizione di fiducia?

lunedì, 30 marzo 2009

 

Così non li chiede più a me

Continua a sfuggirmi la logica per cui per superare la crisi si dànno aiuti alle aziende.

Non è una crisi di produzione, per cui bisogna investire per produrre di più o meglio, ma di consumi; le aziende chiudono perché non hanno ordini, perché non vendono; e non vendono perché i consumatori non hanno soldi da spendere. E allora a che serve investirci?

I soldi (“soldi veri”) vanno dati a chi li spende, a chi acquista, a chi (persino) sperpera.

A mio cognato, per esempio.

liczin | 19:04 | commenti (1)
 

 

Questione di mentalità

Ha detto l’onorevole Fini di non votare mai chi promette un posto di lavoro, perché questa è mentalità mafiosa. Ha detto proprio queste parole. Giustissime.

Che mentalità ci vuole per votare chi di posti di lavoro ne promise un milione?

sabato, 28 marzo 2009

 

Chi è il capo qui?

Oggi ho pensato a tre o quattro post (ero in attesa dal barbiere, che è un posto ottimo per pensare i post) che però poi ho cestinato.

Comincio a sospettare che questo blog stia diventando esigente.

Bisogna che scriva qualche tremenda cazzata per riportarlo coi piedi per terra.

Ma non mi vengono in mente cazzate abbastanza tremende…

Cribbio! Sta vincendo lui!

 

 

La mela che riconosce l’albero

Quando si parla di Bettino Craxi bisognerebbe sempre ricordare che ha sottratto (spartendoli con gli amichetti suoi) un’infinità di soldi pubblici ai pensionati con la minima, ai servizi sanitari, alla scuola, alle infrastrutture, alle tasche dei cittadini onesti.

Bisognerebbe ricordarlo quando qualcuno lo mette fra i propri statisti di riferimento.

venerdì, 27 marzo 2009

 

Paradiso sbagliato

Francamente un luogo con uomini accidiosi, golosi e donne lussuriose non mi pare tanto male, mentre una landa noiosamente bianca con Bonolis che trita incessantemente luoghi comuni facendo il verso a Totò assomiglia molto di più a un’idea d’inferno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...